🕑 Tempo di lettura: 2 minuti

Chi e cosa

Una catena che, almeno in Italia, non ha bisogno di presentazioni. Old Wild West nasce nel 2002 a Città Fiera in provincia di Udine. In soli 18 anni ha indiscutibilmente conquistato l’Italia, e come vedremo, non si è fermata a questo seppur soddisfacente traguardo. Vediamo come Old Wild West si è diffuso in Italia ed anche all’estero!

Italia ma non solo

Ad oggi, la Old Wild West ha 200 ristoranti tra Italia, Francia, Svizzera e Belgio, seppur larga parte di questi è comunque nel Bel Paese. Ha conquistato la Penisola con il suo vivace mix di stakehouse, burger e tex-mex, offrendo le cucine proveniente da tutti i paesi più famosi del continente, specialmente in un contesto storico, quello del vecchio selvaggio west a cui si ispirano anche i suoi locali. L’espansione fuori dai confini nostrani è sicuramente stata possibile anche alla forte attitudine al marketing dell’azienda che sa offrire programmi fedeltà, un ottimo servizio al cliente ed un’ambientazione, almeno in Italia, probabilmente senza eguali.

Marco di Giusto: protagonista indiscusso

Marco di Giusto, abile imprenditore, non ha soltanto concepito e sviluppato Old Wild West, ha anche previsto la stessa come un’azienda capace di entrare in più ambiti del settore Food. Cosa che molti non sanno è infatti che l’azienda controlla anche i marchi Wiener Haus, America Graffiti, Pizzikotto e Shi’s. La catena si configura, in pratica, come una sorta di capogruppo che, con sapiente uso degli introiti derivanti dall’attività di successo dei suoi ristoranti, ed abilità manageriali non in dote a tutti, ha saputo trasformarsi in una potenza della ristorazione, difficile da primeggiare nel Nostro Paese.

Conclusioni

Sapevate tutte queste cose su Old Wild West? Sapete immaginare qualche altro Paese in cui potrebbe pensare di espandersi nei prossimi anni? Si tratta sicuramente di un modello di business e di un’attività profittevole. Un vero orgoglio imprenditoriale Made in Italy!