Masdar City: la città del futuro!

🕑 Tempo di lettura: 2 minuti

Masdar City è una città pianificata ed eco-sostenibile che rappresenta un modello di riferimento per la costruzione delle architetture sostenibili urbane del futuro.

Occorre precisare, però, che Masdar non è propriamente una città, ma un distretto della capitale degli Emirati Arabi Uniti, Abu Dhabi. Il progetto relativo alla realizzazione di Masdar City risale al 2006 e da allora essa è diventata una vera e propria capitale dell’innovazione: grazie alla presenza dell’Università della scienza e della tecnologia, è il luogo ideale per la nascita e l’incubazione di start up e PMI innovative che hanno un alto tasso di crescita nell’area.

La sostenibilità è stata, fin dall’inizio, il motore trainante del progetto. Si punta al solo sfruttamento delle fonti di energia rinnovabile, in particolar modo nel settore edilizio. Le strutture, infatti, sono realizzate con cemento a basso tenore di carbonio, utilizzando alluminio ricavato per il 90% da fonti riciclate per ridurre il consumo di energia ed acqua di almeno il 40%.

Altro aspetto da sottolineare è la pedonabilità: la mobilità sostenibile è tra i principali obiettivi che si vogliono perseguire nello sviluppo di Masdar City, prediligendo percorsi pedonali (immersi nel verde, soprattutto per rendere più sopportabili le alte temperature tipiche della zona). Non è prevista, dunque, la presenza di automobili ad alimentazione tradizionale (benzina e diesel). Per i percorsi più lunghi, l’ingegnere italiano Luca Guala ha ideato il personal rapid transit. Si tratta di una serie di veicoli individuali senza conducente e ad alimentazione elettrica. La loro funzionalità ricorda quella dei taxi, in quanto una volta nell’abitacolo basterà digitare la destinazione desiderata per usufruire del servizio.

In sintesi, il distretto di Masdar può essere considerato alla stregua di un laboratorio umano dove c’è la possibilità di sperimentare soluzioni tecnologiche affinché si possa verificare il loro grado di utilità ed affidabilità, anche per altre realtà.

Leggi anche:
Perché gli innovatori dovrebbero tener d’occhio l’Asia?