🕑 Tempo di lettura: 2 minuti

Klarna è una società svedese che ha assunto una particolare importanza nel panorama sempre più in crescita degli e-commerce, permettendo ai consumatori di migliorare la propria esperienza d’acquisto e ai venditori di commercializzare i propri prodotti online senza rischi.

 

Ma come funziona?

Klarna è un’app che si accolla il rischio delle compravendite online facendo da intermediario tra acquirente e venditore. Dopo aver effettuato un ordine online, l’utente può scegliere di acquistare attraverso tre modalità differenti:

  1. Pagamento in 3 rate, che aumenta la flessibilità e il potere d’acquisto del cliente;
  2. Pagamento in 30 giorni;
  3. Pagamento immediato.

In questo modo, il cliente vedrà aumentare il proprio potere e la flessibilità d’acquisto, incrementandone la soddisfazione e semplificando lo shopping. Grazie alla possibilità di suddividere l’importo del proprio ordine senza alcun interesse, infatti, l’utente svilupperà un senso di libertà tale da semplificare l’esperienza d’acquisto, aumentandone la fedeltà.

Tutto ciò è reso possibile dall’intelligenza artificiale di Klarna, che analizza rapidamente il rischio potenziale di una persona in base ai suoi dettagli, il tempo di acquisto e la cronologia delle transazioni. Successivamente approva o rifiuta l’acquisto entro un paio di secondi, quindi segue l’evasione dell’ordine.

E i venditori?

La vera innovazione di Klarna è proprio nell’aspetto di tutela di entrambe le parti impegnate nella compravendita, non solo dell’acquirente. L’azienda svedese, ad ogni acquisto effettuato e a prescindere dalla tipologia di pagamento prescelto, si preoccuperà di pagare in anticipo l’intera somma al venditore e di riscuotere il pagamento finale del cliente.

 

Klarna VS PayPal

Klarna è uno strumento in grado di conquistare la fiducia degli utilizzatori, semplificare le procedure di acquisto e garantirne la comodità di utilizzo. Proprio per questo si contrappone all’americana PayPal, il grande mediatore delle transazioni commerciali che ha sicuramente più esperienza nel campo dei servizi finanziari.

PayPal è un tramite che separa i mezzi di pagamento dagli e-commerce, offrendo strumenti di rivalsa e rimborso. Questo, tuttavia, è un servizio che favorisce maggiormente il compratore a danno del venditore. Klarna, al contrario, tutela quest’ultimo anticipando la somma dell’oggetto e, allo stesso tempo, aumenta il potere d’acquisto del consumatore dandogli la possibilità di dilazionare l’acquisto. E si sa, meglio nelle proprie tasche che in quelle di altri.