Incontri: le marmellate di Barilla!



🕑 Tempo di lettura: 2 minuti

Incontri le marmellate di Barilla che si consolida nell’area delle creme spalmabili e, dopo l’esordio della crema di nocciole Pan di Stelle, tenta e raddoppia nelle spalmabili a base di frutta cioè le marmellate. Questo nuovo prodotto a marchio Mulino Bianco prende il nome di “Incontri” e ha fatto la sua comparsa sugli scaffali di Esselunga lo scorso febbraio.

Si tratta di un progetto pilota, concordato in esclusiva con la catena di supermercati, ed è questo il motivo per cui non l’avete ancora visto ovunque. In realtà la linea “Incontri” comprende tre composte ad alta concentrazione di frutta senza additivi e solo addensanti e, come tali, si collocano nella fascia alta di mercato.

“Incontri” ha 3 tipologie di gusti:

1-Fragole, pere e granella di cacao

2-Albicocche, fichi e mandorle

3-Mirtilli, lamponi e scorza di limone

Per Barilla questa è una sfida molto difficile! Dopo le performance positive del 2018, il mercato italiano di confetture e marmellate, che attualmente vale circa 300 milioni di euro, ha chiuso il 2019 all’insegna di una sostanziale stabilità. In questo mercato il segmento di prodotti che maggiormente ha successo è quello delle specialità, ovvero di marmellate non tradizionali, le quali sono composte dall’accoppiamento di diversi frutti ed ingredienti. Tale novità stimola la voglia dei consumatori a provarle e quindi ad acquistarle.

Interessante è notare la scelta del nome di queste nuove marmellate. Il naming usato dà l’immagine per l’appunto “dell’incontro tra la marmellata e le fette biscottate o un cornetto vuoto” che oltre a suscitare una dolce e piacevole sensazione di gusto, in questo momento difficile della quarantena, infonde in ciascuno di noi la stessa carica positiva di un incontro con una persona a cui si voleva bene.