🕑 Tempo di lettura: 2 minuti

A seguito di recenti ricerche si è scoperto che alcuni rari tipi di diamanti sono dei perfetti conduttori di elettricità. Questi sono chiamati diamanti blu, per via del colore che assumono grazie alla presenza di boro. Di norma un diamante puro è un perfetto isolante di elettricità, però in questi particolari tipi il boro, legandosi agli atomi di carbonio, li rende ottimi conduttori elettrici.

(“Hope” il diamante blu per eccellenza sul quale sono stati effettuati questi studi)

Questa caratteristica fisica diviene molto interessante se accostata ad un’altra proprietà propria di tutti i diamanti ovvero quella per cui essi trasferiscono calore meglio di qualunque altro materiale presente sulla terra.

La combinazione di queste due caratteristiche rende il diamante il migliore materiale per realizzare i semi conduttori per i computer quantici, macchinari che non si basano più sul tradizionale modello dei bit (in cui le unità di informazione codificano due stati, 0 e 1),  ma sui qubit (in cui le unità dell’informazione quantistica possono essere contemporaneamente sia il valore 1 sia il valore 0).

Ma purtroppo l’unico problema che presenta questo materiale è il prezzo, così gli scienziati ,per abbattere i suoi elevati costi,  hanno studiato come la natura trasformi del mero carbonio in diamante, analizzando le condizioni fisiche e geotermiche che sono presenti nel mantello terreste. Perciò, perché si  formi un diamante, c’è bisogno di carbonio, unito ad una temperatura di 1500°C e a 50 kbar di pressione.

Durante le ricerche si è scoperto il carbonado (anche noto come diamante nero) che, formandosi nello spazio in assenza di gravità, non ha bisogno della pressione di 50 kbar; in tali condizioni. dunque, si creerà anche una struttura multi cristallina che rende questo materiale molto più duro e termicamente efficiente.

Oggi possiamo realizzare diamanti sintetici con una tecnica chiamata CVD, che permette anche di realizzare lamine sottili di diamante perfette per sostituire il silicio nei micro processori.

Molto più duri dei diamanti naturali, ottimi conduttori di elettricità e resistenti al calore estremo, questi sono i super diamanti!