🕑 Tempo di lettura: 2 minuti

Sono moltissime le persone che soffrono di Alzheimer. Giusto per dare qualche dato, nel mondo si contano oltre 50 milioni di persone, mentre in Italia circa 600 mila. Quel che più preoccupa è il tasso di diffusione di questa malattia, si conta che al mondo ogni 3 secondi qualcuno viene colpito dall’Alzheimer. Purtroppo però questi numeri sono destinati a raddoppiare ogni 20 anni, raggiungendo 75 milioni nel 2030 e 130 milioni nel 2050.

Numerose sono le soluzioni ricercate e proposte per cercare di rallentare l’avanzamento di questa malattia sia dal punto di vista farmacologico che in campo terapeutico.

Da pochissimi anni si stanno sviluppando anche diversi strumenti di supporto come i robot; di seguito è elencata una lista di alcuni “robottini”, presenti sul mercato o ancora in fase di sperimentazione, comunemente capaci di assistere gli anziani, di aiutarli nelle azioni quotidiane e di rallentare l’avanzamento di tale malattia tramite l’utilizzo di varie tecniche terapeutiche come la musicoterapia, l’arte terapia ecc…
Tra i progetti più innovativi e di successo in questo specifico campo troviamo:

  • Ryan, sviluppato dall’Università di Denver, è un robot dotato di AI e di giochi cognitivi che aiutano a mantenere attivo il cervello dell’anziano. Il robot può anche riconoscere con chi interagisce ed intavolare conversazioni di vario genere. Ryan è capace di leggere le emozioni delle persone attraverso le espressioni facciali;
  • MARIO è in fase di sviluppo nell’Unità di Geriatria dell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo. Si tratta di un progetto di ricerca europeo sviluppato principalmente in Italia. Il robot ha lo scopo di affrontare le difficili sfide della solitudine, dell’isolamento e della demenza nelle persone anziane;
  • Pepper, realizzato nel laboratorio di robotica del Rey Juan Carlos University tramite il progetto DIA4RA, è un un robot umanoide con le capacità necessarie per svolgere compiti di trattamento, assistenza e cura delle persone con Alzheimer e demenza;
  • Ludwig è stato sviluppato da un gruppo di ricerca dell’Università di Toronto, diretto da Dr. Frank Rudzicz il quale prevede che l’intelligenza artificiale svolgerà un ruolo importantissimo nell’assistenza agli anziani nel futuro, immaginando addirittura che i robot potrebbero anche monitorare gli anziani nelle loro case;
  • Paro è un robot a forma di peluche sviluppato nel 1993 e commercializzato per la prima volta nel 2015 in Giappone. Il grande successo si è avuto quando nel 2009 è stato presentato negli Stati Uniti, dove ha ottenuto la certificazione FDA come robot terapeutico. Oggi si contano più di 3.000 pezzi venduti in 30 paesi diversi.

Per visionare alcuni di questi robot in prova si consiglia il seguente link:
https://www.youtube.com/results?search_query=robot+alzheimer

Potrebbe interessarti anche l’azienda leader mondiale nella produzione di macchine automatiche! Clicca qui