🕑 Tempo di lettura: 2 minuti

E’ stato abbastanza chiaro che dopo il rilascio di ios 10.2.1 che alcuni iPhone più vecchi (in particolare dal 6 in poi) che abbiano subito dei rallentamenti.
La vicenda parte da dei benchmark realizzati, intuitivamente, da Geekbench su iPhone 6 e 6s prima e dopo la sostituzione di una batteria.
Il punteggio finale ottenuto dai dispositivi è stato diverso: più la batteria è usurata e più l’iPhone va lento.
Questa scoperta ha suscitato lo stupore e rabbia in molti utenti che hanno eseguito anch’essi tali test ottenendo risultati pessimi su device con batterie di qualche anno.
Ovviamente Apple sentitasi ormai chiamata in causa dalle numerose lamentele e qualche class action si è pronunciata, spiegando in un documento i motivi per cui ha rallentato iPhone di vecchia generazione. A detta loro in caso di iPhone con batterie usurata è fondamentale ridurre la velocità di clook del processore per evitare spegnimenti improvvisi e per evitare che la batteria durasse meno del previsto…
Studi italiani dicono che le nuove batterie saranno al grafene, Scoprilo qui

Prima di tutto, non abbiamo mai fatto nulla – e mai lo faremmo – per ridurre intenzionalmente la vita di un prodotto Apple, né faremmo qualcosa per ridurre l’esperienza dell’utente in modo da incentivarlo a passare a un nuovo modello. Il nostro obiettivo è sempre stato creare prodotti amati dai nostri clienti, e fare in modo che gli iPhone durino il più possibile è una parte importante di tutto questo.

Il discorso potrebbe anche filare ed essere giusto, ma perché Apple, fin quando ha potuto, ha agito di nascosto?
Probabilmente la verità non la sapremo mai, ma è del tutto lecito pensare che questa sia potuta essere una astuta mossa per camuffare e rendere possibile l’obsolescenza programmata. Inoltre il mercato degli smartphone sta cambiando! scopri in che modo!

Apple ha deciso di scontare la sostituzione della batteria (euro 29) sui vecchi iPhone (dal 6 in su), “in modo da ricompensare la lealtà dei nostri clienti e riottenere la fiducia di tutti quelli che hanno messo in dubbio le intenzioni” dell’azienda. Il piano di sostituzione sarà avviato nelle prime settimane del prossimo anno in tutto il mondo e sarà disponibile fino alla fine di dicembre 2018.